logotype

Pubblica amministrazione

APPLICARE LA SPENDING REVIEW SENZA TAGLIARE NULLA

 

Anche le pubbliche amministrazioni che hanno un consumo inferiore a 1.000 tep*/anno, e che quindi non hanno l'obbligo di nomina di un energy manager, possono trarne comunque grandi vantaggi:

 

- ottengono l’individuazione di quali siano gli interventi di ottimizzazione del sistema edificio-impianti

- ottengono assistenza nella scelta del fornitore di energia elettrica o gas che abbia le offerte più confacenti alle proprie caratteristiche

- ottengono una valutazione obiettiva di quali siano i migliori interventi da parte di un gruppo di lavoro terzo rispetto ai fornitori di beni e servizi sul mercato (pannelli, impianti micro e minieolici, cogeneratori, ecc.) fornitori che solitamente sono interessati alla vendita ed istallazione del prodotto più che alla indicazione della migliore scelta possibile per il cliente

- ottengono assistenza per ottenere incentivi statali e comunitari diretti alle pubbliche amministrazioni, quali il cosiddetto Conto termico o i finanziamenti europei che possono ottenersi successivamente alla redazione di un Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES).

 

 

Avviare una politica di verifica dei costi energetici permette alla pubblica amministrazione di intervenire sul bilancio senza operare alcun taglio di servizi al cittadino.

I soggetti pubblici che hanno un consumo superiore a 1.000 tep*/anno, quindi l’obbligo di nomina di un energy manager, potranno accedere ad ulteriori incentivi se l’energy manager nominato abbia la qualifica di EGE, nella nota di seguito il riferimento normativo.

  

GLI INCENTIVI PER L'EFFICIENZA ENERGETICA

Il DM 28/12/2012 consente l’accesso al mercato dei Titoli di efficienza energetica (Certificati bianchi)  unicamente ai soggetti obbligati che abbiano provveduto alla nomina di un energy manager che sia un EGE certificato, accreditamento posseduto dal team leader ing. Cesare Caramazza. La rinuncia alla nomina di un energy manager con tale qualifica impedirà l’accesso a tale meccanismo di incentivazione del contenimento dei consumi.

 

 

* Il tep è una misura dell’energia primaria consumata globalmente per tutti i servizi (illuminazione, forza motrice, riscaldamento, raffrescamento, produzione di acqua calda sanitaria).

 

© 2013 by Ing. Cesare Caramazza - P. Iva 05264150821 - Realizzazione sito: CDM di E. Flaccovio sas